Come dimensionare una canna fumaria

zz2586La canna fumaria serve per convogliare all’esterno i fumi della combustione prodotta da  un camino o da una stufa e da essa dipende il tiraggio del camino o della stufa. Dunque, il dimensionamento della canna fumaria risulta molto importante.

Supponiamo di voler dimensionare la sezione di una canna fumaria per una stufa a legna o pellet da 12 kW termici a tiraggio naturale, che corrisponde a una potenza termica di circa 10.300 kcal/h e che, tenendo conto del rendimento di circa il 75% tipico di tali stufe, si scopre con facili conti corrispondere a una potenza termica resa al focolare di 13.757 kcal/h.

Supponiamo inoltre che l’altezza della canna fumaria dal piano mediano della fiamma fino all’aria esterna sia di 7 metri, che il numero totale di cambiamenti nella direzione dei fumi e di restringimenti della canna fumaria sia pari a 2, che la lunghezza totale dei tratti sub-orizzontali sia di 1,5 metri. La formula per il dimensionamento di una canna fumaria a tiraggio naturale si trova nel regolamento di attuazione della Legge 615/66.

Allora, applicando la formula per il dimensionamento della canna fumaria, troviamo che la sezione utile che la canna fumaria deve avere è di 221 centimetri quadrati. Pertanto, il diametro della canna fumaria – se questa è di forma circolare – deve essere di 17 cm, oppure una possibile coppia di valori per una forma rettangolare o quadrata è data da 15 x 15 cm.

La sezione della canna fumaria calcolata con la formula appena descritta va aumentata del 10% per ogni 500 metri di altitudine sul livello del mare. Ricordiamo che la canna fumaria deve essere fatta di materiale incombustibile, il più possibile liscia, priva di fessurazioni e coibentata esternamente, onde mantenere alta la temperatura dei fumi.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *