Come fare audit energetico

zz35989999Un audit, o check-up, energetico domestico aiuta i proprietari di una casa a determinare dove quest’ultima stia facendo loro perdere energia e denaro, e come tali problemi possono essere corretti per rendere la casa più efficiente dal punto di vista energetico.

L’audit, svolto di solito da un tecnico professionista, include il controllo di eventuali perdite, l’esame dell’isolamento termico, l’ispezione di caldaie e canalizzazioni, l’esecuzione di un blower door test per rilevare spiffero e altre perdite d’aria e l’utilizzo di una telecamera a infrarossi. Un audit energetico è il primo passo per valutare quanta energia consuma la vostra casa e quali misure si possono adottare per renderla energeticamente più efficiente.

Esistono vari livelli di audit energetico. Ogni livello di controllo si basa sul precedente. Con l’aumento della complessità dell’audit, si fanno più completi: la valutazione del sito,
la quantità di dati raccolti, il dettaglio fornito nel rapporto di audit finale. Questo
sforzo può quindi tradursi in maggiori risparmi energetici per il cliente finale.

Un primo livello consiste nella valutazione del sito e nelle verifiche preliminari per identificare opportunità di risparmio a costo zero o a basso costo, e per fornire una visione generale dei potenziali miglioramenti. Le attività svolte in questa prima fase comprendono una valutazione delle bollette energetiche e un breve sopralluogo del vostro edificio.

Un secondo livello consiste nell’indagine energetica e in un’analisi ingegneristica per identificare alcune opportunità a basso costo, e fornire raccomandazioni in linea con possibili piani finanziari. In questa fase si effettua un’approfondita analisi dei costi energetici, dell’utilizzo di energia e delle caratteristiche dell’edificio, nonché un sondaggio più raffinato di come l’energia viene usata.

Un terzo livello di audit energetico consiste in un’analisi dettagliata dell’edificio e degli usi energetici attraverso il monitoraggio e la raccolta strumentale di dati, nonché dei possibili interventi di efficientamento energetico che richiedano investimenti rilevanti. Questo livello fornisce raccomandazioni fondate su solide basi quantitative e un’analisi finanziaria per i grandi investimenti di capitale coinvolti, stimando i relativi tempi di rientro.

Il revisore energetico prescelto lavorerà con voi per capire i vostri obiettivi ed il budget disponibile per gli eventuali interventi, in modi da aiutarvi a determinare quali livello di controllo è necessario. Per strutture più piccole, dove c’è nessun grande piano di miglioramento energetico, già un audit di primo livello potrebbe portare a risultati che rendono il costo della verifica utile.

Se si dispone invece di una struttura più grande che non è mai stata sottoposta a un audit energetico, una verifica del secondo o terzo livello sarebbe più opportuna, a causa della complessità dei sistemi e delle potenziali opportunità di risparmio. Tali controlli sono più costosi, ma rappresentano buone opzioni se si dispone di chiari obiettivi di efficienza energetica, o di piani per lavori di ristrutturazione o di aggiornamento delle apparecchiature.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *