Consumo standby elettrodomestici

zz6747Lasciando gli elettrodomestici in stand-by non si usa la stessa quantità di energia elettrica di quando sono accesi o di quando sono completamente staccati dalla rete, ma una quantità di elettricità che in genere è più elevata quanto più vecchio è il modello di apparecchio.

La nuova legislazione europea, infatti, prevede che il consumo dei nuovi apparecchi sia limitato a 1 watt quando vengono lasciati nella modalità di standby: “Il consumo di energia delle apparecchiature in qualsiasi condizione che fornisca esclusivamente una funzione di riattivazione, o esclusivamente una funzione di riattivazione e la semplice indicazione che la funzione di riattivazione è attivata, non deve superare 1,00 W”.

Oggi, invece, i consumi degli apparecchi domestici in standby sono ben maggiori. Ad esempio, una lavastoviglie, un forno a microonde, il monitor di un computer e un condizionatore d’aria consumano in standby, in media, 2,5 W; un computer da tavolo o un modem/router o una stampante 5-6 W; un telefono portatile, un caricabatterie del cellulare o un CD player 2 W; un televisore 5-10 W; un impianto di allarme 10-15 W, e così via.

Quasi tutti gli apparecchi elettrici ed elettronici con un alimentatore esterno, un telecomando, un display o un led sempre acceso consumano energia di continua, anche quando sono apparentemente “spenti” o non svolgono la loro funzione principale.  Il più diffuso decoder satellitare HD, ad es., consuma in stand-by 175 kWh l’anno, pari a una spesa annua di 43 €!

Anche le console per i videogiochi dei ragazzi consumano in standby quasi quanto in funzionamento: per tale motivo lasciarle sempre accese può comportare una spesa fino a 400 € l’anno! Addirittura di più che lasciare acceso tutto il giorno un computer, che può arrivare a costare 130 € l’anno, più 45 € se non si tiene spento il monitor quando non lo si usa.

Pure le macchine da caffé espresso hanno enormi consumi in standby che spesso sfuggono alla nostra attenzione: fino a 60 kWh, o 15 €, l’anno. Altri apparecchi che consumano molto in standby sono stampanti laser, fotocopiatrici, stereo, videoregistratori, router e televisori.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *