Differenza tra termosifoni in acciaio e alluminio

z687680Ricordiamo che esistono vari tipi di caloriferi: i classici termosifoni in ghisa (presenti nelle vecchie case e oggi poco utilizzati), che trattengono il calore più a lungo anche quanto sono spenti; i radiatori in alluminio, che si riscaldano subito; i radiatori in acciaio, che hanno tempi di riscaldamento e raffreddamento, resistenza alla corrosione e peso intermedi fra i due.

I radiatori in alluminio sono più economici e componibili, oltre che molto più leggeri e meno ingombranti, ma rispetto ai termosifoni in ghisa si possono corrodere se il pH dell’acqua è alcalino e trasmettono i rumori dell’acqua in circolo. Invece, a differenza dei radiatori in alluminio e ghisa, quelli in acciaio non sono componibili aggiungendo o eliminando singoli elementi riscaldanti.

In un radiatore conta molto, relativamente all’irraggiamento, anche l’emissività, che è di gran lunga superiore nella ghisa (specie in quella lucidata) rispetto all’alluminio. I radiatori in acciaio hanno valori di emissività assai variabili, ma specie i laminati non si discostano molto dalla ghisa. Perciò, i radiatori vanno verniciati con vernici opache ad alta emissività per favorire l’irraggiamento.

I termosifoni in alluminio sono più economici e trattengono meno il calore, quindi scaldano meno; quelli classici in ghisa come andava una volta sono più costosi ma scaldano molto di più. I caloriferi in acciaio sono un ottimo compromesso fra quelli in ghisa e quelli in alluminio: uniti a una buona caldaia vi permettono di risparmiare un buon 8-10% in bolletta rispetto alla ghisa e costano poco di più.

In realtà la differenza fra termosifoni in alluminio e radiatori in acciaio non sta nella resa bensì nell’inerzia termica: il radiatore in alluminio si scalda più velocemente ma si raffredda anche più velocemente, al contrario quello in acciaio ci mette di più a scaldarsi, ma anche di più a raffreddarsi. Dunque, con quelli in acciaio si spende meno combustibile che con quelli in alluminio.

Con un impianto a bassa temperatura, i caloriferi in acciaio e quelli in alluminio rendono esattamente nello stesso modo, ovvero la metà di quello che rendono ad alta temperatura. Se si vuole sfruttare la caldaia a gas a condensazione e la bassa temperatura, occorre procurarsi dei radiatori molto alti, indipendentemente da che siano di alluminio o di acciaio, e fare un sovradimensionamento.

Se dunque intendete prolungare il funzionamento del termosifone per lavorare con una temperatura di mandata che sia la più bassa possibile, meglio l’acciaio. Se invece intendete accendere i termosifoni  soltanto durante le ore in cui la casa o l’ufficio è abitato, meglio preferire l’alluminio.

Per scegliere a ragion veduta – o anche semplicemente ottimizzare – il sistema di riscaldamento più adatto nel tuo caso specifico, confrontando i risparmi che avresti passando a ciascuna delle tante tecnologie possibili alternative a quella che usi attualmente, può esserti utile un software realizzato ad hoc, come ad esempio quello che trovi qui, il cui utilizzo è davvero semplice e immediato.

Uno dei più utili software per risparmiare sul riscaldamento domestico.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *