Differenze stufe elettriche: tipologie esistenti

zz4474Sul mercato si trovano oggi vari tipi di stufa elettrica fra cui scegliere:

  • stufe elettriche di tipo tradizionale, o a convezione, in cui il calore viene emesso tramite una resistenza metallica e ceramica spesso associata a una ventola. Ben il 50% del calore è emesso sotto forma di radiazioni che attraversano l’aria. In genere, queste stufe arrivano a consumare finanche 2.000 W.
  • stufe alogene, le quali contengono delle lampade alogene che con il passaggio della corrente elettrica si riscaldano ed emettono calore. Funzionano grazie al calore emesso da 3 o 4 lampade alogene di 400-450 W di potenza ciascuna, per una potenza massima di circa 1800 W.
  • stufe al quarzo, simili a quelle alogene, con la differenza che utilizzano due o più lampade al quarzo che arrivano ad assorbire circa 800 W, ma vi sono anche modelli più potenti, ad es. da 1.500 W, con più livelli di calore selezionabili attraverso pulsanti o manopole. Il riscaldamento avviene soprattutto per irraggiamento, ma anche per convezione, partendo dal basso verso l’alto.
  • stufe ad infrarossi, che emettono ben il 96% del calore sotto forma di raggi infrarossi, per cui viene riscaldato solo il corpo solido che si trova davanti alla stufa, mentre l’aria circostante rimane fredda, il che consente un buon risparmio energetico.

In generale, le stufe elettriche portatili sono assai poco costose e molto facili da manutenere, il che le rende piuttosto diffuse per il riscaldamento domestico. Esse sono usate, tipicamente, in zone che non sono sufficientemente riscaldate oppure in sostituzione di altri sistemi di riscaldamento in ambienti di volume limitato.

Infatti, tutte le tipologie di stufe elettriche sono particolarmente indicate quando si tratta di riscaldare solo per poco tempo oppure solo un ambiente ristretto – ad esempio una camera da letto o la cucina con la porta chiusa – anziché l’intera casa.

Per scegliere a ragion veduta – o anche semplicemente ottimizzare – il sistema di riscaldamento più adatto nel tuo caso specifico, confrontando i risparmi che avresti passando a ciascuna delle tante tecnologie possibili alternative a quella che usi attualmente, può esserti utile un software realizzato ad hoc, come ad esempio quello che trovi qui, il cui utilizzo è davvero semplice e immediato.

Uno dei più utili software per risparmiare sul riscaldamento domestico.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *