Frigo smart e connesso: come funziona

L’idea di un frigorifero “intelligente” non è nuova. Il primo frigorifero intelligente disponibile in commercio risale infatti a quasi venti anni fa. Includeva un lettore di codici a barre, per cui quando si mettevano gli articoli dentro il frigorifero o li si toglievano, era possibile eseguire la scansione del codice a barre del prodotto per sapere sempre quanti e quali prodotti c’erano nel frigo.

Sebbene ciò fosse certamente una novità interessante, la maggior parte delle persone hanno trovato il sistema ingombrante e non particolarmente utile. Pochi vogliono spendere parecchi soldi in un frigorifero solo per sentirsi dire che il latte è stato messo e tolto 26 volte.

Tuttavia, i primi frigoriferi intelligenti hanno evidenziato una delle principali problematiche con gli apparecchi collegati a Internet in generale: richiedono un input di informazioni troppo elevato per essere veramente utili. Vuoi veramente eseguire la scansione di ogni prodotto mentre lo metti dentro o lo sposti fuori dal frigorifero? Pertanto, da quel primo frigorifero intelligente, gli sviluppatori hanno cercato di trovare altre opzioni per rendere l’apparecchio più utile.

Ad esempio, un frigorifero ha utilizzato la tecnologia RFID per leggere automaticamente i codici a barre dei prodotti, rimuovendo il fattore “utente”. Il problema, però, era che non tutti i prodotti alimentari sono dotati di tecnologia RFID. Un altro modello ha utilizzato dei sensori per determinare se un prodotto è stato spostato e per inviare un avviso quando il peso di quel prodotto stava diminuendo, per avvertire il proprietario della necessità di acquistarne di più. Il problema era che i sensori non potevano individuare in modo specifico quali prodotti venivano rimossi e dovevano essere rimpinguati.

Alcuni di questi problemi vengono superati dagli ultimi modelli di frigoriferi intelligenti, che dispongono di telecamere interne. Non sei sicuro se hai abbastanza latte? Basta usare una app per sbirciare dall’ufficio all’interno del frigorifero e vedere se è il momento di acquistarne dell’altro. Questi ultimi modelli di frigo smart sono di solito dotati di un ampio schermo a colori anche all’esterno, permettendo di creare elenchi di cose da comprare, lasciare note e accedere a Internet direttamente dal frigorifero.

Fornendo l’apparecchio di un efficiente microcontrollore e di una connessione Wi-Fi, gli utenti ne guadagnano in convenienza e potenzialmente risparmiano denaro mantenendo una migliore traccia dei loro acquisti di generi alimentari. Nel tempo, i frigoriferi intelligenti sono stati sviluppati molto. Tuttavia, possono essere già considerati veramente “intelligenti”?

Molti esperti dicono di no, per il semplice fatto che anche con le macchine fotografiche e le funzioni di attivazione attivate dalla voce, l’apparecchio richiede ancora l’intervento dell’utente. Ecco perché la nuova generazione di frigoriferi intelligenti sta spostando l’attenzione dal contenuto del frigorifero a un apparecchio che fornisce informazioni che possiamo effettivamente utilizzare.

Per esempio, anche se non si può essere interessati a quante volte il frigorifero è stato aperto e chiuso, probabilmente si è interessati a far funzionare il proprio apparecchio nel modo più efficace possibile e nel sapere, quando qualcosa funziona male, che deve essere riparato o sostituito. Ecco perché gli sviluppatori stanno lavorando su frigoriferi intelligenti progettati per funzionare con i nuovi contatori intelligenti, per cui funzionano automaticamente in modo più efficiente nelle ore a tariffa più alta.

Ad esempio, la maggior parte dei frigoriferi esegue un ciclo di sbrinamento automatico quando è necessario. Con un frigorifero smart quel ciclo, che utilizza più energia, può essere posticipato fino a quando le tariffe dell’elettricità sono inferiori in base al contratto scelto – tipicamente di notte e nel week-end – abbassando di conseguenza la bolletta elettrica.

Gli sviluppatori stanno lavorando anche sui modi per implementare una tecnologia come quella presente nei termostati intelligenti. Nel tempo, il frigorifero potrà apprendere i tuoi modelli di utilizzo – come il fatto di acquistare latte ogni quattro giorni – e aggiungere automaticamente oggetti alla tua lista della spesa, inviare avvisi sulle vendite in offerta o mostrarvi quanto spendete in un determinato periodo, in modo da essere in grado di gestire meglio il proprio budget. L’idea, però, è che questa analisi avrà luogo automaticamente, con poco o nessun intervento da parte dell’utente.

Per dare un’idea di ciò che oggi disponibile sul mercato, si può fare riferimento al frigo “smart” della Samsung. Dotato di un ampio touchscreen connesso ad un “family hub”, ti consente di pianificare i pasti e la spesa, e addirittura intrattenere, aiutandoti a vivere meglio ogni giorno. Con tre telecamere interne che scattano una foto quando ne chiudi la porta, il “family hub” ti permette di controllare il tuo frigorifero da qualsiasi luogo. Oltre a creare liste della spesa, puoi impostare delle notifiche di scadenza per mantenere tutto il tuo cibo fresco, e acquistare i generi alimentari direttamente dalla porta del frigorifero. Infine, puoi riprodurre i tuoi brani musicali ed i film preferiti, o collegarti al tuo televisore.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *