Impianto di riscaldamento “smart” e connesso

Il più semplice impianto di riscaldamento “intelligente”, o smart, si può realizzare facendo gestire in modo automatico l’accensione e lo spegnimento del sistema (ad es. caldaia a condensazione, pompa  di calore, etc.) in base alle effettive esigenze di calore da parte dell’utente, ovvero alla temperatura interna. Questo controllo viene effettuato in tempo reale, spesso sfruttando pure altri parametri – ad es. l’irraggiamento solare e le condizioni meteo all’esterno della casa – per anticipare le esigenze.

Di conseguenza, il modo più semplice di realizzare un impianto di riscaldamento smart è quello di installare un cosiddetto termostato “intelligente” (o smart) in un punto di riferimento della casa e fare in modo che il generatore di calore adegui la propria produzione di calore in modo da far raggiungere alla casa la temperatura indicata dal termostato in questione. Un vero sistema intelligente, infatti, cerca di evitare la programmazione da parte dell’utente, tipica dei vecchi cronotermostati programmabili.

Il vantaggio di questo sistema è che per implementarlo non bisogna cambiare il vecchio impianto ma solo realizzarne un “retrofit”, rimpiazzando il termostato tradizionale a parete o wireless, ed aggiungendo i necessari attuatori. Il punto debole di questa semplice versione dell’impianto è che in genere alcune stanze verranno scaldate più o meno del necessario, o perché servite male o perché sono vuote e parzialmente o interamente inutilizzate (si pensi ad es. alla stanza degli ospiti ed ai bagni).

Pertanto, impianto di riscaldamento “intelligenti” più complessi effettuano una zonizzazione automatizzata, gestendo il flusso di calore che viene erogato nelle varie stanze, tenendo conto del loro stato di occupazione e della loro temperatura. Altri impianti smart complessi includono quelli che tengono conto delle diverse tariffe elettriche alle varie ore del giorno, ed i sistemi ibridi, che utilizzano, ad es. caldaia a condensazione e pompa di calore, o che integrano energia da fonti rinnovabili.

Negli impianti di riscaldamento complessi, l’“intelligenza” risiede soprattutto nel far funzionare in modo energeticamente ed economicamente efficiente l’intero sistema integrato, evitando sprechi e garantendone l’affidabilità anche in situazioni estreme. Gli algoritmi che gestiscono tali impianti sono in genere in grado di tener conto delle condizioni meteo esterne e delle preferenze dell’utente, che può così ottenere un risparmio finanche del 50% sulla bolletta per il riscaldamento.

Nel caso di impianti di riscaldamento che utilizzano radiatori, le valvole tradizionali dei radiatori possono venire sostituite da valvole termostatiche “intelligenti”, che permettono di suddividere il riscaldamento della casa in varie zone tenendo conto degli utilizzi e delle abitudini dell’utente. Le valvole termostatiche smart, infatti, riducono il flusso di acqua calda nel radiatore in funzione della temperatura interna della stanza, che può essere misurata in ogni stanza o nelle diverse “zone” della casa.

Le componenti di un sistema di riscaldamento “intelligente” comprendono l’hardware (ovvero le parti “fisiche” del sistema, come i sensori, gli attuatori e naturalmente il generatore di calore, che può essere una caldaia, una stufa, una pompa di calore, etc.), il software (che include gli algoritmi di controllo e l’interfaccia utente) e la rete di comunicazione (che permette a tutti questi componenti di inviare e ricevere informazioni ed al sistema di riscaldamento di venire controllato da remoto).

Le differenze fra i vari impianti di riscaldamento smart risiedono principalmente nel livello di “intelligenza” al quale operano (che, a sua volta, dipende soprattutto dalla bontà dell’algoritmo di controllo e dell’interfaccia utente, che deve essere semplice ed intuitiva da usare) e nel tipo di connessioni stabilite fra i componenti appena citati e l’hub centrale (esistendo vari protocolli di comunicazione, ciascuno dei quali ha i suoi vantaggi e svantaggi: Bluetooth, Z-Wave, Wi-Fi, etc.).



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *