Internet delle cose: come funziona e fa risparmiare

In questo momento, si parla tanto di “Internet delle Cose” (IoT) e del suo impatto su tutto ciò che riguarda il modo in cui viviamo. Ma cosa è l’Internet delle cose? Come funziona? Ed è davvero importante?

In poche parole, l’Internet delle Cose è il concetto di connessione di qualsiasi dispositivo (a condizione che abbia un interruttore on/off) a Internet e ad altri dispositivi collegati. Si tratta dunque di una rete gigante – e destinata a crescere esponenzialmente – di cose e persone connesse, che raccolgono e condividono dati sul modo in cui vengono utilizzati e sull’ambiente che li circonda.

Ciò include un numero straordinario di oggetti di tutte le forme e dimensioni: dai forni a microonde intelligenti, che cuociono automaticamente il cibo per la giusta durata di tempo, alle autovetture, i cui sensori complessi rilevano oggetti lungo il loro percorso, a dispositivi portatili per il controllo della forma fisica che misurano la frequenza cardiaca e il numero di passi che hai fatto quel giorno, in modo da poter utilizzare queste informazioni per piani di esercizio fisico personalizzati.

I dispositivi e gli oggetti con sensori integrati sono collegati a una piattaforma di Internet delle Cose che integra i dati dei diversi dispositivi e applica delle forme di analisi per condividere le informazioni più preziose con le applicazioni realizzate per soddisfare esigenze specifiche. Queste potenti piattaforme possono determinare esattamente quali sono le informazioni utili e ciò che può essere ignorato in modo sicuro. Queste informazioni possono essere utilizzate per rilevare modelli, formulare raccomandazioni e individuare eventuali problemi prima del loro verificarsi.

Ad esempio, se possiedo un’attività di produzione automobilistica, vorrei sapere quali componenti opzionali (sedili in pelle o cerchi in lega, per esempio) sono più popolari. Utilizzando la tecnologia Internet delle Cose, posso: usare dei sensori per individuare quali aree in uno showroom sono più popolari e dove i clienti si fermano più a lungo; prendere i dati di vendita disponibili per individuare quali componenti si vendono più velocemente; allineare automaticamente i dati di vendita con l’offerta.

Le informazioni raccolte dai dispositivi connessi consentono di prendere decisioni intelligenti in base a informazioni ricevute e analizzate in tempo reale, il che aiuta a risparmiare tempo e denaro. Con la comprensione fornita dalle analisi avanzate arriva la possibilità di rendere i processi più efficienti. Gli oggetti ed i sistemi intelligenti consentono di automatizzare determinate attività, in particolare quando queste sono ripetitive, banali, richiedono tempo o sono addirittura pericolose.

Immagina di svegliarti ogni giorno alle 7 del mattino per andare al lavoro. La tua sveglia ha il compito di svegliarti all’ora giusta, ma a volte qualcosa va storto. Il tuo treno è stato annullato e devi guidare per andare al lavoro. Il problema è che ci vuole più tempo per guidare e avresti bisogno di alzarti alle 6:45 per. Oppure c’è la pioggia, per cui devi guidare più lentamente del solito. Una sveglia “intelligente” connessa o attivata dall’Internet delle Cose tiene conto di tutti questi fattori, per assicurarti di arrivare al lavoro in tempo, e potrebbe pure sincronizzarsi con la macchina del caffè.

In che modo L’Internet delle Cose può far risparmiare energia? Dobbiamo prima definire cosa intendiamo per “cose”. Potrebbero essere oggetti molto semplici o oggetti complessi. Le cose non devono essere collegate direttamente e necessariamente all’Internet pubblico, ma devono essere collegabili tramite una rete (che potrebbe essere LAN o di altro tipo). L’Internet delle Cose è la rete di oggetti fisici che contengono tecnologie incorporate per comunicare e interagire con l’ambiente esterno.

L’Internet delle Cose comprende l’hardware (le “cose” stesse), e un software incorporato in esse (per la gestione delle funzionalità connesse delle cose), servizi di connettività / comunicazione e servizi informativi associati alle cose (inclusi servizi basati sull’analisi dei dati del sensore o dell’attuatore). Una soluzione Internet delle Cose è un prodotto (o un insieme di prodotti) combinati con un servizio. Ciò significa che un servizio è combinato con un dato set di prodotti, o con più prodotti.

Gli esempi di Internet delle Cose per l’efficienza energetica sono abbondanti: le “cose” possono essere semplici sensori (ad es. un sensore di temperatura in una stanza), sensori più complessi (ad es. un dispositivo di misurazione della potenza elettrica), attuatori (ad es. per la climatizzazione di ambienti, motori, etc.), interruttori, etc. L’applicazione di Internet delle Cose può variare da una semplice monitoraggio – come la misurazione della temperatura in un edificio – ad un’applicazione complessa come la fornitura di un’automazione energetica completa di una casa.

Le applicazioni di controllo delle abitazioni, in particolare, possono fornire un uso efficiente dell’energia in un edificio, assicurando comodità (per quanto riguarda l’uso di calore, elettricità, etc.) agli occupanti dell’edificio. Le soluzioni tradizionali utilizzano sistemi complessi di gestione degli edifici che inviano gli ordini agli attuatori in base ai dati dei sensore. Il sistema deve tenere conto di più parametri, come ad esempio le previsioni meteorologiche oppure i costi energetici in tempo reale.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *