Pompa di calore ad assorbimento: come funziona

zz4297Le pompe di calore ad assorbimento sono essenzialmente pompe di calore a sorgente d’aria fatte funzionare non dall’energia elettrica, ma da una fonte di calore come il gas naturale, il propano, l’acqua riscaldata con energia solare o da una fonte geotermica.

Poiché il gas naturale è la fonte di calore più comune per le pompe di calore ad assorbimento, esse sono anche indicate come pompe di calore a gas. Ci sono anche refrigeratori ad assorbimento (o a gas) che funzionano secondo lo stesso principio. A differenza di alcune pompe di calore ad assorbimento, tuttavia, questi non sono reversibili e non possono servire come fonte di calore.

Le pompe di calore ad assorbimento residenziali utilizzano un ciclo ad assorbimento ammoniaca-acqua per fornire riscaldamento e raffreddamento. Come in una pompa di calore standard, il refrigerante (in questo caso, ammoniaca) viene condensato in una bobina affinché rilasci il suo calore; la sua pressione viene ridotta ed il refrigerante è fatto evaporare per assorbire calore.

 Se il sistema assorbe il calore dall’interno della vostra casa, fornisce raffreddamento; se cede calore verso l’interno della vostra casa, fornisce il riscaldamento. La differenza nelle pompe di calore ad assorbimento è che l’ammoniaca evaporata non viene pompata in pressione in un compressore, ma è invece assorbito in acqua. Una pompa di potenza relativamente bassa può quindi pompare la soluzione fino ad una pressione più elevata.

Il problema è quindi rimuovere l’ammoniaca dall’acqua, e qui è dove la fonte di calore entra in gioco. Il calore essenzialmente fa bollire l’ammoniaca fuori dall’acqua, ricominciando il ciclo. Un componente chiave nelle unità ora sul mercato è lo scambiatore di calore di assorbimento, che aumenta l’efficienza dell’unità recuperando il calore che viene rilasciato quando l’ammoniaca viene assorbita in acqua. Altre innovazioni includono la separazione ad alta efficienza del vapore, portate dell’ammoniaca variabili e basse emissioni.

Sebbene vengano utilizzati principalmente in ambienti industriali o commerciali, i refrigeratori ad assorbimento sono ora disponibili per le grandi case residenziali, sulla scala di 1.000 piedi quadrati o più. I refrigeratori e pompe di calore ad assorbimento di solito hanno senso solo nelle case senza una fonte di energia elettrica, ma hanno un ulteriore vantaggio in quanto possono fare uso di fonti di calore, compresa l’energia solare, l’acqua calda geotermica, o altre fonti di calore.

Per scegliere a ragion veduta – o anche semplicemente ottimizzare – il sistema di riscaldamento più adatto nel tuo caso specifico, confrontando i risparmi che avresti passando a ciascuna delle tante tecnologie possibili alternative a quella che usi attualmente, può esserti utile un software realizzato ad hoc, come ad esempio quello che trovi qui, il cui utilizzo è davvero semplice e immediato.

Uno dei più utili software per risparmiare sul riscaldamento domestico.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *