Pompe di calore geotermiche: come funzionano

zz7549Le pompe di calore geotermiche sono state usate fin dalla fine del 1940. Esse utilizzano la temperatura costante della terra per lo scambio del calore al posto della temperatura dell’aria esterna. Come qualsiasi pompa di calore, anche quelle geotermiche sono in grado di riscaldare, raffreddare, ed eventualmente possono fornire acqua calda.

Il sistema di climatizzazione geotermico è molto più efficiente dei sistemi tradizionali, poiché il terreno contiene una inesauribile sorgente di calore. L’energia geotermica, infatti, è semplicemente l’energia che si trova nel sottosuolo sotto forma di calore: la temperatura del terreno, a 20 metri di profondità, risulta essere di 14°C e costante.

Gli impianti geotermici a bassa entalpia sono pompe di calore che utilizzano come sorgente esterna (detta sorgente fredda) il sottosuolo, da cui attraverso sonde che arrivano fino a 50-300 mt di profondità viene prelevato il calore a bassa temperatura, e come sorgente calda l’abitazione da scaldare, verso la quale il calore viene ceduto a temperatura più alta (circa 35°, adatta per un riscaldamento a pavimento), utilizzabile anche per riscaldare l’acqua.

Invertendo il ciclo, d’estate la pompa di calore può essere usata per raffrescare l’ambiente trasferendo il calore dalla casa al terreno. L’espressione “a bassa entalpia” serve solo a distinguere questo tipo di geotermia da quella del vapore che arriva fino in superficie, il cui esempio più famoso è dato dai soffioni boraciferi di Larderello (in Toscana), usati per produrre energia elettrica.

Alcuni modelli di sistemi geotermici sono disponibili con compressori a due velocità e ventilatori variabili per un maggiore comfort e risparmio energetico. Rispetto alle pompe di calore ad aria, sono più silenziosi, durano più a lungo, hanno bisogno di poca manutenzione, e soprattutto non dipendono dalla temperatura dell’aria esterna, cosa utile nei posti freddi.

Per scegliere a ragion veduta – o anche semplicemente ottimizzare – il sistema di riscaldamento più adatto nel tuo caso specifico, confrontando i risparmi che avresti passando a ciascuna delle tante tecnologie possibili alternative a quella che usi attualmente, può esserti utile un software realizzato ad hoc, come ad esempio quello che trovi qui, il cui utilizzo è davvero semplice e immediato.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *