Quanto consuma macchina caffè in standby

zz6384Una macchina da caffè domestica utilizza finanche 17 watt di energia elettrica quando viene lasciata accesa ma non fa il caffé. Il consumo non è solo per l’eventuale display. Ogni minuto o giù di lì, infatti, una resistenza si accende e si osservano picchi di corrente fino a circa 400 watt per alcuni secondi per mantenere la temperatura dell’acqua nel serbatoio interno.

Una macchina del caffè consuma anche quando è spenta. In tal caso il consumo è di circa 8 W, grosso modo la metà di quando è accesa in standby ma non fa il caffè. Quando fa il caffè, la macchina consuma dai 400 ai 1000 W di potenza. Se si tiene la macchina accesa e si fanno quattro tazzine di caffè in un’ora, il costo dell’energia totale usata è di circa 2 centesimi, pari a circa mezzo centesimo a tazzina, che quindi è trascurabile.

Dunque, il consumo massimo annuo in standby di una macchina da caffé è di circa 15 x 24 x 365 / 1000 = 130 kWh. Ipotizzando un costo dell’energia elettrica di 0,25 €/kWh, la spesa annua per questo consumo “nascosto” della macchina risulta essere di circa 33 euro. Se aggiungete a questo consumo quello di altri standby relativi ai vari apparecchi che avete in casa, capite bene perché i consumi dello standby incidono per almeno il 10-15% sulla bolletta domestica.

Per misurare l’energia consumata in standby dalla vostra macchina da caffé, potete usare un buon misuratore di consumi, o power meter, acquistabile online per 20-30 euro. Esso mostra la potenza istantanea assorbita e l’energia consumata in un certo arco di tempo. Misurate il consumo in standby della macchina da caffé per 24 ore, o comunque su un lungo arco di tempo, per avere una misura più precisa del consumo, che essendo piccolo è altrimenti difficile da misurare.

Dietro ogni macchina da caffé trovate una targhetta con l’indicazione della potenza istantanea (ad es. 1000 W) assorbita a pieno regime, che dunque permette facilmente la stima dell’energia consumata in un certo arco di tempo (nell’esempio citato corrisponde a 1 kWh l’ora, per cui se la macchina fa 2 caffè al giorno sta accesa in media per 5 minuti al giorno consuma 0,08 kWh). In un anno, quindi, il consumo elettrico sarebbe di circa 30 kWh, per una spesa di 7,5 euro.

Dunque, nel nostro ipotetico caso, il consumo in standby potrebbe incidere fino al (100 x 33/7,5 =) 440% sul consumo annuo della macchina da caffé, che è una percentuale molto elevata. Per risparmiare sullo standby, spegnete quindi sempre la macchina staccando la spina, quando non la utilizzate. Usate, in alternativa, uno “standby killer” o multiprese con interruttore automatico di spegnimento (auto power off plug) per collegarvi tutti gli accessori di cucina.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *