Riscaldamento elettrico seconda casa: come sceglierlo

zz6566Importanti risparmi economici possono essere ottenuti, d’inverno, scegliendo il sistema di riscaldamento più opportuno per le proprie esigenze, e mettendo in atto alcuni semplici accorgimenti.

L’elettricità è una forma di energia più costosa se utilizzata per riscaldare un ambiente. E ciò nonostante l’efficienza di conversione elettrico-termica di un dispositivo elettrico come ad es. una stufa elettrica sfiori il 99% poiché non c’è combustione con dispersione di fumi e di calore, mentre l’efficienza di una normale caldaia a gas si aggira intorno all’85%.

Le stufe elettriche costituiscono in generale il sistema di gran lunga meno efficiente e più dispendioso per riscaldare l’ambiente, e quindi sono nella maggior parte dei casi sconsigliabili, se non per un utilizzo limitato a piccoli spazi ed a brevi periodi tempo: cosa che ha senso, ad esempio, nella camera da letto poiché vi evita di riscaldare di notte tutta la casa.

Se le acquistate, orientatevi sui modelli dotati di un buon ventilatore incorporato. Ricordatevi che se usate una stufa elettrica da 1000 W per 10 ore al giorno consumerete 10 kWh, che, ipotizzando un costo dell’elettricità di 0,22 euro a kWh, equivalgono a circa 2,2 euro al giorno.

Le pompe di calore, anche se costano molto più di una stufa, sono almeno 3 volte più convenienti in quanto a resa termica a parità di elettricità consumata. Inoltre, la maggior parte delle pompe di calore possono essere invertite e usate per raffreddare la casa durante l’estate.

In pratica, le pompe di calore rappresentano la forma di riscaldamento elettrico più efficiente per i climi moderati, dato che forniscono tre volte più calore dell’energia loro fornita, il che riduce il consumo di elettricità per il riscaldamento del 30-40% rispetto alle stufe elettriche.

Infatti, se d’inverno la temperatura esterna è troppo bassa, le pompe di calore possono essere meno efficienti – e dunque meno convenienti – di quanto appena esposto, o addirittura non funzionare nel caso, per esempio, delle pompe di calore aria-aria, in cui l’unità esterna ghiaccerebbe.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *