Risparmiare con la lavatrice: come fare

zz4562Circa il 90% dell’energia usata per lavare i vestiti in una lavatrice viene impiegata per riscaldare l’acqua. Ci sono due modi per ridurre la quantità di energia usata per lavare i vestiti: utilizzare meno acqua e impiegare acqua più fredda.

Pertanto, ecco alcuni consigli pratici:

  • Lavate i vostri vestiti, ogni volta che è possibile, in acqua fredda usando detersivi specifici per uso in acqua fredda.
  • Selezionare un lavaggio con acqua tiepida anziché con acqua calda può farvi risparmiare finanche metà dell’energia elettrica.
  • Utilizzate la lavatrice a pieno carico. Se per caso intendete lavare un carico piccolo, selezionate il livello di acqua appropriato.
  • Non asciugate eccessivamente il vostro bucato. Se la vostra macchina ha un sensore di umidità, usatelo per impostare un valore opportuno.
  • I modelli di lavatrici a risparmio energetico possono consumare fino a metà di quelli tradizionali. Occhio, quindi, all’etichetta energetica!

Gli ingredienti di un buon bucato sono acqua, detersivo ed elettricità. Il detersivo, però, costa più dell’elettricità, e con le lavatrici di nuova concezione è possibile usarne una minore quantità (come pure di acqua). Il trucco di una lavaggio a basso consumo è quindi quello di risparmiare sugli ingredienti (acqua, detersivo ed elettricità) senza per questo rinunciare a un buon risultato.

Oggi esistono lavatrici a basso consumo che, rispetto ai modelli del passato, permettono di utilizzare una minore quantità d’acqua, di detersivo e di energia elettrica. Ne potete trovare alcuni esempi qui.

Fino a pochi anni fa, infatti, l’unico tipo di lavaggio era quello “ad ammollo” dei panni unito al movimento rotatorio del cestello, mentre oggi esiste il “lavaggio a pioggia” in cui i capi, oltre all’azione dell’ammollo, vengono continuamente spruzzati dall’alto con acqua e detersivo. Inoltre, alcuni apparecchi prevedono il riutilizzo dell’acqua di lavaggio, che viene riciclata aumentando così l’eliminazione dello sporco.

Più in generale, se volete rendervi conto quantitativamente dei vostri consumi domestici per capire dove e come tagliare la vostra bolletta energetica, troverete utile un semplice software di analisi dei consumi domestici, come ad esempio quello che potete trovare qui, fornito di una guida pratica per i non esperti.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *