Risparmio energetico con dimmer, timer e sensori

zz4479Controlli elettronici come dimmer, timer, fotocelle e sensori possono aiutarvi a risparmiare elettricità spegnendo o abbassando una luce quando non serve, e fanno ormai parte di un moderno sistema di illuminazione.

I dimmer sono dispositivi che permettono di abbassare il livello di luce in modo continuo. In passato consumavano essi stessi una parte rilevante dell’energia sottratta alla lampada, ma oggi hanno un circuito elettronico che assorbe pochissima potenza. Tuttavia, prima di usarli occorre assicurarsi che le lampadine utilizzate siano dimmerabili.

Le prime fluorescenti compatte, a differenza delle vecchie lampadine a incandescenza, non potevano essere usate in abbinamento a un dimmer per la regolazione del livello di luce. Oggi, però, vi sono modelli compatibili con i dimmer che funzionano in questo senso come le lampadine a incandescenza.

Anche i timer possono contribuire a risparmiare elettricità e sono ampiamente usati per l’illuminazione delle scale o dei garage. Nelle nostre case, possono trovare impiego ad es. nell’illuminazione del giardino, dando la possibilità di fissare l’ora di accensione e quella di spegnimento. Per quest’uso si possono usare, comunque anche sensori crepuscolari.

Molto utili per l’illuminazione all’interno della casa sono i sensori – ad es. i comuni ed economici modelli ad infrarossi – che permettono di far accendere una luce solo in presenza di movimento, e dunque di persone. Possono trovare impiego nel bagno o in posti di passaggio o fuori la porta, in prossimità del campanello, evitando di avere una luce sempre accesa.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *