Stufe a pellet o legna: opinioni su quale scegliere

zz7478Le stufe a pellet bruciano pellet di legno compresso o altra biomassa per produrre calore. I primi modelli del 1980 avevano una piccola camera di combustione squadrata e poco attraente collocabile nel soggiorno, mentre i modelli disponibili oggi vanno da semplici ma eleganti stufe fino a vere e proprie caldaie ad alta efficienza energetica.

Le stufe a pellet si alimentano del loro combustibile lentamente e automaticamente, prelevandolo dal contenitore (tramoggia) che lo ospita e lo trasferiscono in un braciere, per cui al proprietario dell’apparecchio si richiede solo lo sforzo di regolare la fiamma, e con esso la potenza termica, e nessun’altro sforzo, se non riempire la tramoggia di pellet di tanto in tanto.

Alcune stufe a pellet possono bruciare altre biomasse di pellet, come il mais o il grano, e molti agricoltori utilizzano, per il riscaldamento della propria casa colonica, una piccola parte del loro raccolto di mais. Molti produttori di stufe a pellet, in realtà, consigliano una miscela di mais e pellet di legno per la combustione in un camino energeticamente efficiente.

Le stufe a pellet sono assai più facili da utilizzare rispetto a quelle a legna, dato che riempire la tramoggia può essere un’operazione molto più veloce, pulita ed economica rispetto al trasportare tronchi da fuori, accatastarli vicino al camino o alla stufa, e poi metterne dentro uno o due pezzi all’ora per tutto il giorno. La maggior parte delle stufe a pellet possono partire invece da sole sulla base di comandi termostatici, ed alcune sono comandabili pure a distanza.

Uno dei rischi del riscaldamento con un camino a legna energeticamente è l’accumulo di fuliggine nella canna fumaria o nel tubo di scarico per la stufa; questa sostanza nera catramosa è la principale causa di incendi nel camino, ed è la ragione per cui chi si riscalda con il legno ha bisogno che il proprio camino o tubo di scarico venga pulito ogni anno.

La combustione del pellet, invece, non produce questa sostanza, ma solo molta cenere che rimane nell’unità stessa. Le stufe a pellet producono in genere da uno a quattro chili di cenere per ogni cento chili di pellet bruciato, con il pellet di qualità superiore.

Mentre le stufe a legna immettono l’aria nella stufa e quindi ossigenano il fuoco sulla base del tiraggio del camino, le stufe a pellet hanno bisogno di tubi di scarico appositamente sigillati che impediscono ai gas di scarico di essere immessi nella zona giorno, grazie alla pressione dell’aria più alta che il ventilatore di combustione produce. Ciò significa che l’installazione va eseguita da un installatore qualificato ed esperto. Ma un vantaggio delle stufe a pellet è che, a differenza delle stufe a legna, possono essere installate anche dove lo sfiato verticale non è possibile.

È comunque meglio che qualsiasi camino ad alta efficienza energetica sigillato sia fornito di una presa d’aria esterna, sia per evitare la creazione di una pressione dell’aria negativa in casa, sia per garantire che l’unità funzioni in modo efficiente. Quando un qualsiasi dispositivo di riscaldamento a combustione a base brucia l’aria interna della casa come fonte di ossigeno, infatti, richiama aria più fredda nella vostra casa attraverso correnti d’aria e spifferi da porte e finestre.



One comment

  1. Complimenti per l’articolo davvero scritto bene io in ogni modo ho acquistato e ricevuto a casa da poco una stufa a legna e devo dire che sono decisamente soddisfatto. Grazie per i vostri consigli.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *